facebook twitter

In quali casi è possibile richiedere la cessione del quinto dello stipendio? Che garanzie vengono offerte? Quale è la durata massima e l'importo massimo richiedibile ?

Aiuto sono sommerso dai debiti e segnalato in crif cosa posso fare ?

A volte le risposte sono semplici ed a volte no, ma in tantissimi casi è possibile fare ricorso alla cessione del quinto sullo stipendio, se si necessità di liquidità, se si vuole pagare serenamente debiti pregressi, se si vuole ottenere un prestito immediato e veloce.

In cosa consite la cessione del V quinto dello stipendio ?

E' una forma di prestito personale con garanzia istituita dopo la seconda guerra mondiale (DPR n. 180 del 5/1/1950, DPR n.895 del 28/7/1950).

La definizione del tipo di prestito contiene la quantità; massima di rata sostenibile per il rimborso delle rate ( cessione del quinto ) pari appunto ad un massimo di 1/5 dello stipendio mensile percepito al netto degli oneri e delle trattenute ( 20% dello stipendio). E' prevista una durata massima di 120 mesi ed una minima non inferiore ai 2 anni.
La durata del prestito non dovrà essere comunque superare il termine del rapporto di lavoro subordinato o quello di trattamento pensionistico, eccezion fatta per i dipendenti dei ministeri che hanno la facoltà di estendere il prestito oltre il termine lavorativo, passando la cessione del quinto dallo stipendio alla pensione.
Nel caso di richiesta di cessione del V da parte di pensionati è doveroso ricordare che vengono posti dei limiti di età la durata del prestito infatti non può valicare il 90° anni di età del richiedente ed in alcuni casi si riesce ad arrivare a 95 anni ricorrendo al fondo previdenziale INPDAP.
Questo tipo di finanziamento è quindi valido per qualsiasi lavoratore dipendente sia del settore pubblico che privato, rientrano nei beneficiari anche i pensionati.

Viene fatto obbligo, contestualmente alla stipula del contratto di prestito con cessione del quinto, di sottoscrivere una polizza assicurativa che sia comprensiva dei rischi vita e impiego.Cessione del quinto
Qualora si verifichi uno dei casi previsti dal "rischio impiego", la compagnia assicurativa, conserva un diritto di rivalsa nei confronti del lavoratore, la garanzia per soddisfare questo requisito viene dal TFR accantonato in precedenza enon potrà eccedere il saldo maturato,che resta quindi congelato ed non disponibile per il lavoratore.

Quali sono i soggetti interessati che possono richiedere questa forma di finanziamento ?

Possono accedere a questo istituto tutti i lavoratori del pubblico impiego, statali, parastatali, tutti i lavoratori dipendenti impiegati presso le aziende private, tutti i pensionati appartenenti a qualsiasi ente previdenziale.
Per quanto riguarda i diendenti di imprese private, questa forma di prestito è conosciuta come "trattenuta", negli ultimi tempi, visto la grave crisi economica e finanziaria che ci ha gravemente colpito, in molti fanno ricorso alla cessione del quinto.
Ricordiamo che nel caso di aziende che operano nel privato, le banche e le finanziarie svolgono attività di indagine, acquisendo molteplici informazioni, necessarie alla valutazione del rischio.
In particolare nel mirino finiscono le aziende, che vengono soppesate per tipo di attività, capitale sociale, numero del personale impiegato, e in particolar modo, il profilo finanziario dell'azienda riguardo precedenti concessioni del quinto ai propri dipendenti e relativa regolarità; nei pagamenti.

Quali sono gli enti e le banche che possono erogare la cessione del quinto ?

La legge individua con precisione quali sono i soggetti abilitati;
istituti di credito e di previdenza costituiti fra impiegati e salariati delle pubbliche amministrazioni, l'Istituto nazionale delle assicurazioni, le società di assicurazione legalmente esercenti, gli istituti e le società esercenti il credito escluse quelle costituite in nome collettivo e in accomandita semplice, le casse di risparmio ed i monti di credito su pegno.

Di fatto una persona che desidera contrarre un prestito con Cessione del Quinto di Stipendio, dovrà rivolgersi ad un mediatore creditizio iscritta all'apposito albo tenuto dalla Banca d'Italia.

Caratteristiche della cessione del quinto.


La trattenuta è irrevocabile, il lavoratore quindi non può rifiutarsi di pagare, anche perchè il ritiro del denaro avviene direttamente in busta paga fino alla completa estinzione del debito.
E' quindi il datore di lavoro che svolge l'operazione di prelievo del denaro dalla busta paga del proprio dipendente e predisporre il pagamento della relativa rata alla finanziaria o alla banca.

Quali sono gli adempimenti per il datore di lavoro ?

Normalmente i contratti per la cessione del quinto dello stipendio, obbligano il datore di lavoro a trattenere dalla busta paga, l'importo della rata, e versare il corrispettivo mensilmente alla banca, fino alla estinzione completa del prestito.
Nel caso di cessazione del rapporto di lavoro, l'azienda dovrà trattenere ogni somma di denaro maturata dal dipendente e corrisponderla alla banca a parziale o totale estinzione del debito residuo.
Il datore di lavoro non può rifiutare una richiesta della cessione del quinto da parte di un suo dipendente.

La cessione del quinto è richiedibile anche da coloro che sono stati protestati o segnalati nelle blacklists di CRIF.

Vedi anche cessione doppia quinto dello stipendio.

Ti è stato utile questo articolo ? Regalaci tante stelle =)

7
4,4

Articolo: In quali casi è possibile richiedere la cessione del quinto dello stipendio? Che garanzie vengono offerte? Quale è la durata massima e limporto massimo richiedibile ?

Cessione del quinto dello stipendio, un istituto utile in caso di mancanza di liquidità, o di cattivo profilo pagatore.
Punteggio:In quali casi è possibile richiedere la cessione del quinto dello stipendio? Che garanzie vengono offerte? Quale è la durata massima e limporto massimo richiedibile ? valutazione media 4,4 stelle
 Vota questo articolo!





MutuoEprestito.com Mutuoeprestito.com | Portale di Informazione Gratuito | | Mutui | Prestiti | Finanziamenti